Commissione Tributaria di Sondrio – Agente della Riscossione condannato al Rimborso delle Spese

rigetto_fallimento

Ordinanza emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Sondrio in data 13.05.2016 in una causa avente ad oggetto numerose cartelle di pagamento.
Il Collegio, all’esito di apposita udienza, ha ordinato la sospensione dell’atto impugnato sulla base delle contestazioni contenute nel ricorso, tra le altre vale evidenziare la prescrizione dei crediti erariali relativi agli anni 2002, 2003, 2004 e 2005.
I Giudici hanno, altresì, disposto la fissazione dell’udienza di trattazione della controversia, condannando, circostanza da evidenziare, controparte a rimborsare le spese per la fase cautelare, liquidate in euro 1.000,00 oltre accessori.
La decisione in esame risulta, altresì, apprezzabile atteso che l’Agente della Riscossione ha iniziato azioni esecutive contro il contribuente e, quindi, ha effettuato un pignoramento mobiliare, pur essendo da tempo a conoscenza della fissazione dell’udienza di sospensione che si sarebbe tenuta la settimana successiva al pignoramento stesso.
Tale condotta, oltre che riprovevole, si palesa dolosa e contraria ai canoni di buona fede, posto che al contribuente deve essere garantito sia il diritto di difesa sia il diritto di non subire arbitrari pregiudizi economici senza l’intervento di un Giudice all’uopo stabilito.
La Commissione ha, quindi, ritenuto di condannare l’agente della riscossione per il suo comportamento evidentemente scorretto, al contempo tutelando il ricorrente sia sul piano economico sia sul piano giuridico.

Causa seguita dall’avv. Andrea Ziletti

Scarica il Documento