In risposta alla lettera pubblicata in data 25 Ottobre 2016

In risposta alla lettera pubblicata in data 25 Ottobre 2016 – Sentiti ringraziamenti all’attività  di SDL Centrostudi (https://www.sdlcentrostudi.it/sentiti-ringraziamenti-allattivita-sdl-centrostudi/)

Gent.ma Manuela,
ho letto e riletto più volte la sua bellissima email e, al di là delle sue espressioni di stima nei miei confronti,
sono rimasto particolarmente colpito dalla vicenda umana che, con delicatezza e pudore, ha voluto narrarmi.
La mia sensibilità verso il mondo dei disabili e delle loro famiglie è, fortunatamente per me, risalente nel tempo: sono da 15 anni Presidente nazionale del Tribunale dei Diritti dei Disabili, che periodicamente riunisce illustri magistrati, avvocati, esperti, disabili e loro famiglie, affrontando casi emblematici e portandoli a soluzione.
Troverà ampio materiale al riguardo sui siti www.nazionaleitalianamagistrati.it (sezioni: TDD e Documenti) e www.anffas.net (sezione: Le nostre iniziative, Tribunale Diritti dei Disabili).
Ma, al di là di tutto questo, vorrei solo significarle la mia vicinanza e l’affetto per chi, già meno fortunato di noi, trova nella
vita quotidiana e perfino nelle Istituzioni ostacoli assurdi ed inspiegabili, invece che accoglienza e rispetto.
Io ho fatto e faccio semplicemente una minima parte di quanto ogni cittadino dovrebbe fare, abbandonando egoismi e chiusure culturali ed impegnando una parte anche minore del proprio tempo per tutelare persone meravigliose,
senza pietismi o velleità missionarie.
Un caloroso abbraccio, dunque, e l’invito a continuare nella sua collaborazione, ancor più preziosa perché proveniente
da chi ben conosce il senso vero della vita.
Piero Calabrò