Ordinanza Tribunale di Rimini

Tribunale di Rimini – Sospensione provvisoria esecuzione

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di allegare l’ordinanza ottenuta presso il Tribunale Rimini dall’Avv. Antonio Paone, di cui Vi invitiamo a leggere il breve commento:

Importante provvedimento ottenuto dall’Avv. Antonio Paone presso il Tribunale di Rimini in una causa avente ad oggetto “opposizione a decreto ingiuntivo”: la banca ingiungeva ai due intestatari e a tre garanti il pagamento della somma di € 59.000,00 quale scoperto di conto corrente affidato. 
Il decreto era provvisoriamente esecutivo nei confronti dei due intestatari.
In sede di opposizione la difesa, contestando la carenza probatoria del credito e depositando perizia di parte sul rapporto contestato, insisteva, alla prima udienza, per la sospensione della già concessa provvisoria esecuzione del decreto ottenuto dalla banca.
Il Giudice, con ordinanza di ieri, ritenendo il credito della banca non sufficientemente dimostrato, per non avere l’Istituto di credito depositato tutti gli estratti conto integrali nè tanto meno tutti i contratti (nel caso di specie manca il contratto del conto corrente ordinario), ha sospeso la già concessa provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo opposto, respingendo altresì la richiesta medesima nei confronti dei garanti.
Conseguentemente, sino al termine della causa, la banca non potrà agire esecutivamente sui beni dei correntisti.

Scarica il documento [PDF]

Scarica il documento [PDF]

esecuzione-immobiliare

Accoglimento opposizione esecuzione immobiliare in fase cautelare e sospensione della stessa ex art. 624 c.p.c – Tribunale di Brindisi

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di trasmetterVi l’importante provvedimento ottenuto presso il Tribunale Brindisi dall’Avv. Mattia Manigrasso, di cui Vi invitiamo a leggere il breve commento :

“…è con profonda commozione e gioia che noi sottoscritti, Avv. Mattia Manigrasso e Avv. Maria Antonietta D’Elia, Vi comunichiamo che, per conto di clienti Sdl, abbiamo ottenuto la sospensione ex art. 624 C.P.C. della procedura esecutiva immobiliare incardinata presso il Tribunale di Brindisi ai loro danni dalla Banca, sulla base di un mutuo usurato.
Riteniamo anche utile sottolineare i passaggi motivazionali del ridetto provvedimento che, muovendo dalle pronunce della Cass. SS.UU. n. 24675/17 e Cass. Sez. VI n. 23192 del 04.10.17, rimarcano due punti nodali:
1) sebbene il tasso di mora contrattuale del mutuo fosse inferiore rispetto al tasso soglia di uno scarto inferiore allo 0,03%, occorre tenere conto di altre voci di costo e cioè di tutte quelle relative alle spese per la gestione del rapporto che rientrano nel computo usurario ex art. 644 cp;
2) l’interesse di mora va calcolato al fine del superamento del tasso soglia e, nel caso di superamento non è dovuto alcun interesse, sicché quanto pagato dal mutuatario deve essere imputato integralmente al capitale da restituire (nè può condividersi il criterio invocato dalla banca che nel computo della soglia rispetto agli interessi di mora invoca una maggiorazione del 2,1%, trattandosi di criterio che non trova alcun referente positivo.
cosenza-tribunale

Tribunale di Cosenza – Provvedimento di sospensione esecutività

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di trasmetterVi l’ordinanza ottenuta presso il Tribunale di Cosenza dall’Avv. Umberto Filici, di cui Vi invitiamo a leggere il breve commento :

“ In riferimento all’oggetto Vi allego copia del provvedimento di sospensione del titolo azionato reso dal Tribunale di Cosenza.
La Banca, stante il ritardo nel pagamento delle rate ha notificato l’atto di precetto, prontamente impugnato stante l’usurarietà del mutuo- in particolare tasso di mora superiore al TSU fin dalla stipula del contratto. Infatti, la ripetizione delle quote corrisposte a titolo di interessi corrispettivi, porta il mutuatario in una situazione di non essere decaduto dal beneficio del termine al momento della notificata dell’atto di precetto.
Trattasi di un risultato molto importante, è uno dei pochi emessi dal Tribunale di Cosenza, a dimostrazione che non bisogna mai demordere.

Scarica il documento [PDF]

Scarica il documento [PDF]

sentenza-favorevole-ancona

Sentenza favorevole – Tribunale di Ancona

By | Leggi e Sentenze, Sentenze | No Comments

 

E’ con viva soddisfazione che Vi inoltriamo la sentenza positiva ottenuta sul Tribunale di Ancona dall’Avv. Tommaso Patrignani, che ha portato grande giovamento al comune cliente. Vi invitiamo a leggere con attenzione anche il commento esplicativo del collega:

… ho l’enorme piacere di comunicare l’esito altamente favorevole di una causa civile incardinata dal sottoscritto avanti il Tribunale di Ancona in materia di mutuo bancario. 

Grazie all’integrazione peritale fornita da SDL, confermata dalla CTU svolta in corso di causa, il Giudice ha riconosciuto l’errata indicazione dell’ISC/TAEG rispetto a quello effettivamente verificato, diverso e maggiore, applicando per la tipologia di nullità l’art. 117, commi 6, 7 tub con ricalcolo del piano di ammortamento al tasso bot. 

La conseguenza è che i mutuatari, a fronte di ben 157.124,00 euro di interessi da elargire durante il rapporto (secondo il piano di ammortamento), ne dovrebbero sborsare al tasso bot  soli 11.070,00. 

 

Avendo al momento dell’emissione della sentenza già pagato interessi per euro 56.465,6, il Giudice ha condannato la banca alla restituzione in loro favore di 45.395,6 euro. Nulla più dovranno inoltre per interessi da qui sino alla fine.”