donnasdl

365 volte grazie alle donne lavoratrici di SDL

By | Novità | No Comments

Oggi come il resto dell’anno, 365 volte grazie alle donne lavoratrici di SDL Centrostudi, colonna portante della società. Nella sola sede principale oltre la metà del personale è composto da donne, ed è a loro che rivolgo il mio più sincero ringraziamento. È grazie al loro contributo e al loro impegno quotidiano se oggi possiamo festeggiare grandi soddisfazioni e innumerevoli successi” è questo il messaggio che il presidente di SDL Centrostudi rivolge alle lavoratrici in occasione della Giornata Internazionale della Donna

img calabo_03

Juve, l’indagine sui biglietti. Ecco le verità e gli scenari. Parla il Presidente Piero Calabrò

By | Novità, Rassegna Stampa | No Comments

Calabrò: «La Procura della Repubblica scagiona la Juve, ora la Figc…»

Piero Calabrò, dopo 36 anni di magistratura, è ora presidente di SDL Centrostudi, giovane società che sfida gli illeciti bancari nei confronti dei correntisti italiani, nonché presidente della Commissione Grandi Rischi della Figc. Da uomo di legge e da tifoso juventino è piuttosto arrabbiato per la confusione mediatica che si è creata intorno al coinvolgimento della società bianconera nell’inchiesta sulla malavita organizzata a Torino. E lo spiega sulle pagine di uno dei giornali più seguiti dal pubblico di appassionati sportivi in Italia: Tuttosport .  

Potete leggere l’articolo sul link di Tuttosport (leggi).

Oppure ingrandendo laPiero Calabrò Tuttosport  pagina allegata 

 

mi-manda-raitre-prima-puntata-6-settembre-2016-sottile-2-1

Comunicato ufficiale in merito al programma “Mi Manda Rai 3″

By | Novità, Rassegna Stampa | No Comments
AGGIORNAMENTO DELLE ORE 21 DEL 20 GENNAIO 2017
.
“Diamo atto alla redazione di Mi Manda Rai3 di aver tempestivamente rimosso, come richiesto con nostra diffida, i contenuti diffamatori pubblicati sulla propria pagina Facebook a seguito dell’invio della diffida dell’avvocato Giovanni Lauro che, unitamente ai documenti comprovanti la inattendibilità dei soggetti che hanno partecipato alla diretta, ha evidenziato gli intenti diffamatori dei Ns. detrattori “seriali” che verranno in ogni caso denunciati nelle opportune sedi.” 
 .
 .
“A seguito della trasmissione andata in onda in data 18.01.17 su rai tre nel corso del programma “Mi manda rai tre” riteniamo opportuno evidenziare l’infondatezza e la falsità delle accuse mosse nei confronti della società e dei propri collaboratori.
Preliminarmente ci corre l’obbligo di ribadire che SDL Centrostudi Spa ha stipulato, in favore dei propri clienti e come contrattualmente stabilito, polizze assicurative di Tutela Legale con primarie società, che hanno piena validità ed efficacia e che operano con serietà in adempimento degli obblighi contrattuali.

SDL Centrostudi smaschera in diretta un ex dirigente licenziato perché radiato dall’albo

 

Qui sotto il particolare del documento di radiazione dalla Consob di Gianmario Bertollo (l’uomo incappucciato in RAI) vero motivo dell’allontanamento da SDL (radiato dall’albo per appropriazione indebita).

Gianmario Bertollo

 

Tanto premesso, demandando alle opportune sedi la valutazione di profili di responsabilità civile e penale degli autori del programma – che non hanno verificato preventivamente la attendibilità delle proprie fonti- e dei soggetti che hanno dichiarato circostanze false e gravemente lesive dell’immagine commerciale di SDL al solo – ma ancora una volta vano – scopo di eliminare dal mercato una società “concorrente” che, ad oggi, ha recuperato, per conto dei cittadini, oltre 180 milioni di euro contro le banche (nei confronti delle quali NESSUNO di questi soggetti ha mai mosso un solo dito), Vi invitiamo a leggere il contenuto della diffida inoltrata alla R.A.I. ed alla redazione della trasmissione “Mi manda Rai Tre” al fine di ripristinare la verità rassicurando tutti Voi che, nonostante questo ennesimo attacco, non abbandoneremo mai i cittadini che vorranno rivolgersi a Noi nè tantomeno i Ns. clienti ed ex clienti con i quali, come sempre fatto, siamo disponibili ad avere ogni necessario confronto.”
comunicati-stampa-press

COMUNICATO STAMPA 4 Novembre 2016

By | Novità, Rassegna Stampa | No Comments

In riferimento alla notizia apparsa on line su alcuni quotidiani e social media, relativa allo sciopero dei lavoratori della cooperativa Camille che si sta svolgendo all’esterno del piazzale antistante la sede di SDL Centrostudi Spa, siamo a precisare quanto segue.

PREMESSO CHE

  • i lavoratori stanno esercitando il loro diritto di sciopero nei confronti della cooperativa Camille e non, come strumentalmente paventato da alcuni soggetti disinformati ed in evidente malafede, nei confronti di SDL Centrostudi Spa con la quale non sussiste alcun rapporto di lavoro;
  • le motivazioni della infelice scelta di manifestare fuori dai locali di SDL piuttosto che, come sarebbe stato più corretto a parere della scrivente, fuori la sede della Cooperativa datrice di lavoro -non volendo pensare che sia stata strumentalmente indotta da soggetti interessati a screditare l’immagine di SDL- è dettata, probabilmente, dal fatto che gli scioperanti erano impiegati dalla Camille, in qualità di appaltatrice, presso i locali attigui la sede legale di SDL, ove svolgevano il sevizio di “data entry” oggetto del cessato appalto di servizi;
  • a tal fine va precisato che, la risoluzione del contratto di appalto con la cooperativa Camille è stata determinata, tra l’altro, dai contestati inadempimenti della predetta appaltatrice in riferimento al servizio reso ed agli standard qualitativi richiesti;
  • in ogni caso, sin da subito SDL si è fatta “parte diligente” nei confronti delle parti in causa ed anche di terzi soggetti, mettendo a disposizione i propri locali per i vari incontri avvenuti con i sindacati, al fine di trovare una soluzione che potesse garantire il maggior livello occupazionale possibile;
  • in particolare, il Presidente del C.d.A., dott. Piero Calabrò, ha chiesto ai lavoratori ed al sindacato di fa pervenire con urgenza eventuali proposte formali da poter personalmente sottoporre ad imprenditori eventualmente interessati ad assumere la quasi totalità delle risorse con i quali, al solo fine di tutelare i lavoratori, aveva personalmente preso contatto ed ottenuto la disponibilità;
  • ad oggi, tale richiesta è rimasta priva di riscontro non avendo i lavoratori, nemmeno per il tramite del sindacato, formalizzato alcunché.
  • appaiono tra l’altro, davvero “grotteschi” i commenti di alcuni soggetti –che operano a vario titolo in regime di concorrenza palese o “occulta”- e che dedicano la propria vita e le proprie risorse nel VANO tentativo di screditare l’immagine di SDL e rallentarne, altrettanto VANAMENTE, l’azione a tutela dei cittadini vessati dal sistema creditizio, che oggi strumentalmente dichiarano di schierarsi accanto a quei lavoratori che, fino al giorno prima, avrebbero voluto vedere in mezzo alla strada e senza impiego;

Tanto premesso, SDL CENTROSTUDI SPA, in persona del Presidente del C.d.A., dott. Piero Calabrò, nel ribadire la propria SOLIDARIETA’ nei confronti dei lavoratori della cooperativa Camille e la propria disponibilità a favorire un incontro tra le parti, anche mettendo a disposizione i propri locali,

DIFFIDA FORMALMENTE

chiunque, a diffondere in qualsiasi forma e con qualsivoglia mezzo notizie false, tendenziose e strumentali che non rispecchino l’attuale status quo come innanzi descritto che, lo si ribadisce con forza, vede in questa vicenda SDL unicamente come parte diligente ed attiva –nonostante giuridicamente estranea- a cercare ogni soluzione che possa tutelare al meglio la posizione dei lavoratori della cooperativa Camille, riservandosi ogni opportuna azione sia in sede civile che in sede penale, a tutela della propria immagine e dei propri diritti.