Nullo per difetto di causa lo swap speculativo (tratto da “Plus24″ del 17/10/2015)

IL TRIBUNALE DI TREVISO CONDANNA CR VENETO A RIMBORSARE A UNA SOCIETA’ TREVIGIANA OLTRE 46MILA EURO

Il Tribunale di Treviso II sez. civile ha dichiarato nullo per difetto di causa concreta (così come previsto dall’art. 1418 Codice Civile) un contratto derivato stipulato con il dichiarato intento di coprirsi dal rialzo dei tassi di interesse se dopo si rivela speculativo, in quanto perfezionato in assenza di un indebitamento bancario da coprire.
In particolare, il giudice ha deciso la vertenza sulla base di un’analisi del derivato effettuata dal CTU, il quale ha accertato come il prodotto offerto – benchè fosse stato presentato come prodotto di copertura dal rischio di aumento del tasso, era in realtà un contratto puramente speculativo.
Il CTU ha potuto accertare che non sussiste correlazione tra le caratteristiche tecnico-finanziarie del derivato e quelle dell’indebitamento, di cui non era nemmeno noto l’ammontare.

Si allega l’articolo in oggetto

Scarica il Documento