Tribunale di Ascoli Piceno – Ordinanza del 22.05.2014

Ordinanza Tribunale di Ascoli Piceno del 22/05/2014

Commento a cura dell’ Avv. Meloni, istruttore della causa

Si ritiene di commentare l’ordinanza resa dal Tribunale di Ascoli Piceno, in quanto essa è esaustiva e compendia concetti per arrivare ai quali la giurisprudenza ha impiegato venti anni.

Trattasi di causa di accertamento e non di opposizione a decreto ingiuntivo, avente ad oggetto conti correnti e tre mutui.

L’ordinanza emette ordine di esibizione, avendo la parte inutilmente richiesto ex art. 119 TUB gli estratti ed i contratti.

Come noto, il TUB consente alla parte di richiedere copia dei documenti relativi ai rapporti tra istituto di credito e cliente e la banca ha 90 giorni per la consegna.

Onere di provare il credito

Il Tribunale onera la Banca di provare il credito rifacendosi alla recente cassazione n. 18540/2013, che impone la produzione di tutti gli estratti sull’intero periodo contrattuale.

Il Tribunale dichiara non parificabile l’onere probatorio con quello di conservazione delle scritture contabili (conforme a Cass. 23971/2010 in fase di opposizione).

Nomina CTU sui conti correnti al fine di verificare l’eventuale applicazione di interessi usurari dal 1997 (data di applicazione della L. 108/1996).

Ancora, il giudicante conferma che la conseguenza è la completa eliminazione dei suddetti interessi qualora riscontrati (a differenza della Cassazione che li vorrebbe riportare entro (sotto) la soglia (Cass. 602 (603). Conforme Trib. Roma 1661/2014 (in sito).

Quindi, v’è la necessità di far redigere sempre delle perizie sui rapporti di conto corrente, in quanto trattasi di usura non contrattuale, ma applicata (c.d. sopravvenuta).

Saldo zero

In difetto del rispetto dell’onere probatorio, ovvero provare il saldo ad oggi mediante la produzione di tutti gli estratti, si avrà il c.d. SALDO ZERO al decennio (termine di prescrizione ex art. 2033 c.c. per la custodia dei documenti), ossia l’eliminazione del saldo negativo al decennio.

La conseguenza è che le somme pagate per interessi su quel saldo divengono completamente ripetibili, così rappresentando un credito.

Il Tribunale, finalmente, fa distinzione tra conto corrente e apertura di credito (art. 1823 e 1842 c.c.): troppo spesso le banche non producono i contratti di apertura credito (o apercredito, o di finanziamento, o conto anticipo), ma solo quello di corrispondenza (cioè quello di apertura di conto corrente ove però, come sappiamo, è UTILE VERIFICARE SE SIA STATA PATTUITA USURA “AB ORIGINE” CON TUTTE LE CONSEGUENZE DEL CASO).

Detto rapporto contrattuale (apertura di credito) rappresenta un servizio e non tutti i contratti di conto corrente sono a servizio di aperture di credito.

Insomma, un tasso debitore risultante su un conto corrente non assistito da linea di credito può essere del tutto marginale e teorico.

Adeguamento della c.m.s. alla L. 2/2009 e se non fatto, determinazione delle somme illegittimamente applicate.

Il punto di cui sopra crediamo abbia bisogno di commento ulteriore.

La L. 2/2009 fa rientrare la c.m.s. nel calcolo del taeg, prima escluso dalla Banca d’Italia (che peraltro come noto non è fonte normativa né soggetto a cui si debba o possa più ispirare).

Non ammette le prove per testi.

Infatti, le banche chiedono di provare alcuni fatti obbligatori per testi: il Tribunale rigetta tale istanza, perché la prova deve essere documentale.

Usura sui mutui

La causa vede un mutuo chiuso e due in bonis (per cui non vi è applicazione di interessi di mora).

Tale passaggio dell’ordinanza merita approfondimento, alla luce della giurisprudenza minoritaria di merito, la quale confonde la fase della pattuizione (L. 24/2001) con quella di applicazione.

Il Tribunale di Ascoli Piceno parla espressamente di PATTUIZIONE (e non applicazione) e chiede al CTU di verificare se la mora in contratto esubera il tasso soglia.

Di per sè, occorre capire la ratio che sottende al ragionamento ma è certo che l’ordinanza elimina il concetto di applicazione e va sul contratto.

Segue Ordinanza

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2014/06/Caricata-il-03.06.14-commento-Tribunale-di-Ascoli-Piceno-del-22.pdf