SDL per Montecarlo – Intervista a Piero Calabrò

Piero Calabrò

Trattare tematiche serie con il sorriso. Questo è stato il gran merito della commedia all’italiana degli anni ‘50 e ‘60 che, attraverso grandi attori e registi, ha fotografato un pezzo della storia d’Italia. Oggi i tempi sono cambiati e la crisi economica sembra aver spento quella spensieratezza che si respirava negli anni del “boom”. In prima linea al fianco dei cittadini contro l’anatocismo bancario, però, arriva SDL Centrostudi S.p.a., società specializzata nell’analisi dei contenziosi con il sistema finanziario-bancario, che si lega al tema del cinema sponsorizzando il 14* Montecarlo Film Festival. Il presidente di SDL ed ex Magistrato Piero Calabrò ci parla di questa partnership e della mission dell’azienda:

- Presidente, SDL Centrostudi è sponsor del 14* Montecarlo Film Festival, qual è il significato di questa partnership?

Il significato più profondo è legato non soltanto all’esigenza di visibilità, ma all’ulteriore affermazione della nostra credibilità. Parliamo infatti di una manifestazione di livello internazionale con attori, registi e personaggi non solo del mondo del cinema, sponsorizzata da una grandissima Banca di livello mondiale. Oggi ha anche SDL come partner e credo che questo significhi tantissimo. Significa che ormai ci siamo accreditati verso un intero universo di valori, che i nostri clienti già conoscono, come una realtà solida, stabile e affidabile. Questo è il messaggio. È mia intenzione valutare se quella che è considerata la mission di SDL -ma che preferisco invece definire un’esperienza professionale unica a livello aziendale- possa essere esportata anche in altri Paesi, perché credo che in tempi di crisi globalizzata internazionalizzare il problema dei rapporti con il mondo bancario e finanziario sia diffuso e sentito anche oltre confine.

lafolla.it