Gli Sportelli per le Anomalie Bancarie, Finanziarie e Tributarie nascono su iniziativa di Legautonomie/Leganet, Istituto Nazionale Revisori Contabili e SDL Centrostudi, come previsto dall’accordo quadro stipulato in data 6 Novembre 2015.

Il progetto degli Sportelli per le Anomalie Bancarie, Finanziarie e Tributarie parte dalla considerazione che la tutela del credito e la cultura della legalità costituiscono componenti necessarie per la crescita economica, per il benessere sociale e per lo sviluppo di sane e legittime forme di concorrenza.

Gli Sportelli per le Anomalie Bancarie, Finanziarie e Tributarie mettono a disposizione la propria competenza allo scopo di fornire un aiuto concreto a coloro che si trovano in situazioni finanziarie difficili, offrendo loro una tutela spesso sconosciuta in quanto parte contrattuale più debole.

In particolare, attraverso un’attività di ascolto e assistenza forniscono gratuitamente , in fase preliminare, la consulenza necessaria per affrontare il rapporto con gli istituti bancari e le società finanziarie.

Il fine perseguito è quello di ripristinare la trasparenza nei rapporti bancari spesso viziati da anomalie quali, ad esempio, l’anatocismo e l’usura.

L’obbligo di informare il soggetto interessato, in fase precontrattuale e durante lo svolgimento del rapporto contrattuale, ha un duplice scopo: la tutela del soggetto stesso e dei suoi diritti da un lato, la garanzia di libera concorrenza dall’altro, rendendo confrontabili le condizioni con altre offerte sul mercato.

Gli Sportelli per le Anomalie Bancarie, Finanziarie e Tributarie sono presenti presso appositi centri di ascolto  dislocati nelle sedi dei comuni di seguito elencati:

– Ladispoli (RM)

– Ciampino (RM)

– Campobasso (CB)

– Bisignano (CS)

– Torre del Greco (NA)

– Barbarano Vicentino (VI)

– Unione Comuni Val Vibrata (TE)