Swap, al Comune di Ortona va anche il secondo round (Tratto da “Plus24″ – 28/11/2015)

LA CORTE D’APPELLO DI MILANO CONFERMA LA NULLITA’ DEI TRE CONTRATTI STIPULATI CON UNICREDIT, CHE NON CONDIVIDE

Per i contratti derivati Otc (ossia , quelle fattispecie oggetto di scambio fuori dai mercati regolamentati) nulla vieta alle banche di remunerarsi ma i costi devono essere ben noti all’ente locale, il quale deve essere peraltro consigliato “al meglio” dall’istituto di credito stesso.
Inoltre, al momento della stipula vanno comunicate al cliente le probabilità che ha di perdere o guadagnare sottoscrivendo quel contratto.
Sono questi i tre punti salienti oggetto della sentenza n. 4303 dell’11 Novembre 2015 emessa dalla I° sez. civile del Tribunale di Milano, la quale conferma la nullità di tre contratti swap sottoscritti nel Gennaio 2006 tra il comune di Ortona (Chieti) e Unicredit.

Per un approfondimento si invita alla lettura dell’articolo allegato

Scarica il Documento