ammissione ctu Archivi | SDL Centrostudi

Tribunale di Rieti-13LUG

Tribunale di Rieti – ammissione della CTU

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

abbiamo il piacere di trasmetterVi di seguito il provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Rieti dall’Avvocato Marianna Fabiano, di cui Vi lasciamo breve nota:

“… con grande soddisfazione inoltro provvedimento di ammissione della CTU ottenuto presso il Tribunale di Rieti relativamente ad un mutuo in bonis estinto anticipatamente per surroga dopo l’introduzione del giudizio.

Il Giudice reatino dietro espressa domanda della scrivente ha ritenuto necessario disporre consulenza tecnica d’ufficio chiedendo all’ausiliario di verificare se nel contratto di mutuo siamo stati pattuiti o applicati interessi usurai (facendo anche un calcolo comprensivo della commissione di estinzione anticipata) e se gli interessi siano stati applicati conformemente alle pattuiti contrattuali (essendo stata eccepita la non univocità della clausola di determinazione del tasso di interesse).”

Scarica il Documento

Tribunale di Monza_11LUG

Tribunale di Monza – ammissione CTU a seguito di opposizione esecuzione immobiliare

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Abbiamo il piacere di trasmetterVi in allegato il provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Monza dagli avvocati Desirè Gugliandolo e Anna Leggiero, di cui Vi lasciamo breve nota:

“… con riferimento a quanto in oggetto, con la presente abbiamo il piacere di comunicare che a seguito della nostra opposizione all’esecuzione immobiliare, proposta in favore dei Clienti sulla base della perizia che aveva rilevato usura e difformità tra l’ISC contrattuale ed il TAEG effettivamente applicato, il Tribunale di Monza ha ritenuto di ammettere la CTU richiesta, come meglio specificato nell’ordinanza che si allega.

Come potrete notare, il Giudice ha richiesto al nominato CTU di valutare “se nel caso specifico, il Taeg concretamente applicato è risultato maggiore rispetto a quello dichiarato dalla Banca nel contratto” (…) con richiesta, in caso di esito positivo, di ricalcolare “l’effettivo saldo debitore del cliente, attraverso la sostituzione dei tassi convenzionali applicati con i tassi minimi dei BOT annuali emessi nei 12 mesi precedenti la conclusione del contratto in questione (ex art. 117 VI comma TUB)”.

Scarica il Documento
 

tribunale di napoli

Tribunale di Napoli – Ordinanza favorevole accertamento da parte del CTU del superamento de tasso di soglia

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Vi trasmettiamo in allegato provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Napoli dall’avvocato Angelo D’Orlando del quale Vi lasciamo breve nota:

“Mi pregio di segnalare l’ordinanza di ammissione CTU per un mutuo in ammortamento (ed attualmente in bonis ma con pregresse morosità) del giudice dr. Sacchi della seconda sezione Civile del Tribunale di Napoli notoriamente pro banca. Ordinanza interessante perché il suddetto magistrato tornando sui propri convincimenti ai fini della valutazione del superamento del tasso soglia chiede al CTU che si tenga conto  delle “ spese assicurative, di mediazione e qualunque altro accessorio connesso all’erogazione del credito, specificando gli importi versati dal finanziato a titolo di capitale, interessi, commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e spese”.
E in relazione al tasso di mora chiede “dica il CTU se il tasso di mora pattuito superi il tasso soglia ratione temporis applicabile alla fattispecie; dica altresì se, in base alla documentazione in atti, risulti l’effettiva applicazione del tasso di mora da parte del mutuante, in relazione ad una o più delle rate di ammortamento; qualora dagli atti non emerga l’effettiva applicazione della mora, valuti il CTU se la clausola contrattuale sull’interesse di mora, ipotizzando il verificarsi delle condizioni in essa previste, comporti il superamento del tasso soglia; ai fini dell’accertamento in questione consideri non solo il tasso di mora nominale ma il tasso effettivo, che si determina in ipotesi di applicazione della clausola negoziale sul tasso di mora” sostanzialmente aderendo al TEMO sostenuto in perizia.”

 

Tribunale Pavia

TRIBUNALE DI PAVIA – AMMISSIONE CTU

By | Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Pavia dall’avvocato Carlo Emanuele Bobba del quale vi lasciamo breve nota:

"...sperando di fare cosa gradita, trasmetto quesito formulato al ctu dal Tribunale di Pavia in tema di mutuo con particolare annotazione riguardo
all'accertamento demandato al ctu di eventuale derivato implicito in materia di mutuo."

TRIBUNALE DI PAVIA - Ammissione CTU

 

disposizione_ctu

Tribunale di Palermo – ammissione CTU

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Vi rimettiamo in allegato due provvedimenti di ammissione CTU e il relativo quesito ottenuti presso il tribunale di Palermo dall’avvocato Antonino Gullotti di cui vi lasciamo breve nota:

“… invio due ordinanze di ammissione ctu inerenti lo stesso giudizio.
Trattasi di un mutuo ipotecario servito ad estinguere degli affidamenti di alcuni conti correnti .
Con la prima ordinanza  il Giudice ha ritenuto dover far verificare  solo l’usurarietà del mutuo.
A seguito di mie osservazioni e puntualizzazioni ha ritenuto ( con la seconda ordinanza) ammettere anche la CTU sui conti correnti ed ha ordinato al ctu di accertare se il mutuo è strettamente collegato al ripianamento degli affidamenti pregressi.”

Scarica il Documento

ctu_02

Tribunale di Napoli – Ammissione CTU

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Vi rimettiamo in allegato ordinanza di ammissione CTU ottenuta presso il tribunale di Napoli dall’avvocato Alberto Rizzo di seguito sua nota di commento.:

TRIBUNALE DI NAPOLI – CONTRATTI DI CONTO CORRENTE – LEGITTIMAZIONE ATTIVA DEL FIDEIUSSORE, ANCHE IN CASO DI CANCELLAZIONE DELLA SOCIETA’ DAL REGISTRO DELLE IMPRESE – ORDINANZA DI AMMISSIONE DI C.T.U. CONTABILE PRONUNCIATA IL 20.01.2017

Segnaliamo la ordinanza istruttoria adottata dal Tribunale di Napoli, Sezione Seconda, del 20.01.2017, che, in accoglimento della domanda proposta (e, soprattutto, delle dedotte contro eccezioni in sede di memorie istruttorie ex art. 183 co. 6 n. 1 c.p.c.), è giunta a rigettare la eccezione di (asserita) carenza di legittimazione attiva formulata dalla difesa della Banca confermando l’orientamento   ormai venutosi a consolidare, anche presso il Tribunale di Napoli, con riguardo alla figura del “fideiussore”.

L’Ufficio adito ha, infatti, utilizzato questo fraseggio, per superare la eccezione dell’Istituto di credito ed incastonare saldamente il suo provvedimento ammissivo   della   C.T.U.:   “(…)   occorre   evidenziare   come   tale   soggetto (ndr., il fidejussore), nella dedotta qualità di fideiussore della citata società e come tale obbligato a rispondere verso la banca di eventuali posizioni debitorie della stessa, sia in linea di principio, portatore di un interesse giuridicamente rilevante a sentire accertare l’effettiva entità del rapporto di dare avere tra le parti (…)”.

Di altrettale importanza, a mio avviso, una volta così superato il guado presunta carenza di legittimazione attiva (come contestato dalla Banca), appare il perimetro tracciato dal Magistrato nel conferire incarico al C.T.U.

Sul punto, tra l’altro, il Giudice ha così statuito: “(…) accerti se i tassi debitori, pattuiti nei singoli contratti, superino i tassi soglia di cui ai DD.MM. attuativi della

  1. 108/96 (includendo nel calcolo del TEG ogni spesa, commissione o altro onere contrattualmente previsto od anche accessorio con esclusione degli oneri fiscali e dei costi di gestione di strumenti di pagamento) (…)”.

Orbene, a mio sommesso avviso, l’orientamento adottato dal Tribunale di Napoli, (anche) in questo provvedimento, non può che riverberare la sua efficacia in procedimenti similari.

Tale pronuncia, infatti, oltre ad avere una evidente importanza estrinseca nella dinamica processuale in cui esso è stato adottato, a mio parere, possiede anche un valore intrinseco nel punto in cui esso, formalmente, ribadisce la esistenza di un orientamento consolidato sulle tematiche da esso affrontate.

Scarica il Documento