asta sospesa Archivi | SDL Centrostudi

sospesione asta amianto

Tribunale di Parma – Sospensione di Asta Immobiliare su Beni con Presenza di Amianto

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Si dà notizia che in data odierna è stata sospesa, inaudita altera parte, un’asta fissata per il 02/03/2016 avente ad oggetto la vendita di un’azienda agricola per un valore complessivo di oltre € 4.200.000,00.
Trattasi di una controversia attinente comunque un’espropriazione forzata promossa da più istituti di credito.
La particolarità del caso si può individuare per un triplice aspetto:
a) nonostante la presenza sul manufatto, oggetto di espropriazione, della componente amianto, gli istituti di credito hanno comunque elargito prestiti e finanziamenti;
b) al giudice, senza preclusioni di sorta, è stata sollevata una questione di violazione delle norme di ordine e di salute pubblica, nonché di falsa applicazione delle disposizioni normative in tema di tutela ambientale, come può essere appurato dall’allegato ricorso.
c) Trattasi di un provvedimento particolare che si introietta nel percorso giurisprudenziale, di autorevole prestigio, delineato dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Torino – Dr. Guariniello – passato alle cronache giudiziarie per il procedimento penale azionato nei confronti dei vertici della compagine societaria Eternit AG.

Il Giusdicente adito avrebbe dovuto rilevare ex officio la necessità di provvedere alla bonifica delle aree intrise di polveri di amianto che, come è ben noto, provocano, nei soggetti che vi sono al contatto, l’asbestosi.
Nulla di tutto questo è avvenuto.
L’ordinanza è, pertanto, affetta da nullità, in quanto la vendita del bene trasgredisce il dettato legislativo in ordine alla salvaguardia della salute e dell’ordine pubblico.
L’intrasferibilità ab origine del bene di cui si discute, per le violazioni di legge innanzi dedotte, comporta la nullità assoluta ed insanabile di tutti gli atti consequenziali relativi al bene stesso, e ciò in virtù del principio quod nullum est, nullum producit effectum.
Il negozio di trasferimento è nullo anche per illiceità della causa, non potendo l’ordinamento giuridico avallare la funzione economico-sociale rispetto ad un bene insuscettibile di essere commercializzato, ancorché il contenuto di detto negozio sia stato formalmente predeterminato dal giudice con autorizzazione alla vendita (cfr. Cass. civ., 28/01/1983 n° 808).

Commento a cura dell’Avv. Raffaele Garofalo dello Studio Legale dell’Avv. Biagio Riccio

Scarica il Documento


asta bloccata

Tribunale di Brescia – Sospensione di Procedura Esecutiva Immobiliare

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

TRIBUNALE DI BRESCIA – SOSPENSIONE DELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE A SEGUITO DEL RICORSO DI AMMISSIONE ALLA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO EX LEGGE 3/2012

Il Tribunale di Brescia Sez. fallimentare ha sospeso la procedura esecutiva immobiliare e bloccato l’assegnazione dell’immobile grazie al ricorso per l’ammissione alla procedura di composizione della crisi presentato dal team di legali della Libera Debito.
Nel caso di specie il debitore si era rivolto alla società Libera Debito pochi giorni prima della data fissata per la vendita all’asta dell’unica casa dove viveva con tutta la famiglia. Nonostante i pochi giorni a disposizione, la società si attivava prontamente: predisponendo una proposta di piano di ristrutturazione del debito ai sensi della legge 3/2012 e depositando il ricorso di ammissione alla procedura di composizione della crisi.
Nelle more del deposito del ricorso la casa veniva venduta all’asta. Tuttavia il giudice del sovraindebitamento, ritenuta la proposta di piano redatto dalla Libera Debito adeguata e completa, si è pronunciato in senso favorevole al debitore, disponendo la sospensione della procedura esecutiva e della contestuale assegnazione della casa al compratore.
Il provvedimento emesso dal Tribunale Ordinario di Brescia conferma la validità sia del ricorso che del piano predisposti dal team della società Libera Debito, ciò in quanto il Giudice ha provveduto immediatamente sulla sospensione della procedura esecutiva immobiliare.
Il Tribunale di Brescia ha ritenuto infatti che sussistevano, nel caso in oggetto, i presupposti di legge (ex art 12 bis L. 3/2012) in quanto la prosecuzione del procedimento di esecuzione forzata avrebbe potuto pregiudicare la fattibilità del piano.
Il provvedimento ottenuto a Brescia è un altro importante risultato che attesta la validità del lavoro svolto dalla società Libera Debito nell’ambito della composizione della crisi per la tutela dei debitori e che da una nuova speranza a quanti si trovano in questo momento schiacciati dal peso dei debiti.

Scarica il Documento

sospesa asta immobiliare

Tribunale di Chieti – Sospensione Procedura Esecutiva per un Valore di oltre 3 Milioni di €uro

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

BLOCCO DELLA VENDITA DI PLURIMI LOTTI IMMOBILIARI PER UN VALORE COMPLESSIVO DI OLTRE 3 MILIONI DI EURO a cura dell’avv. prof. Piero Lorusso

Si pubblica prestigioso provvedimento ottenuto dall’avv. Piero Lorusso presso il Tribunale di Chieti, con il quale è stata disposta la sospensione di una procedura esecutiva attivata da diversi istituti di credito ed insistente su beni immobiliari di ingentissimo valore.
Il risultato è stato conseguito grazie alla pervicacia dell’avv. Lorusso nonché alla validità e all’efficacia della perizia SDL messa a disposizione del cliente e prodotta in giudizio, le quali risultano essere lo strumento imprescindibile tramite cui analizzare i rapporti bancari così da “scovare” quelle anomalie che altrimenti risulterebbero impunite.
Come appare evidente per la portata del risultato conseguito, SDL Centrostudi sta contribuendo a ridefinire la recente giurisprudenza contrapponendosi ad orientamenti consolidati.
Di seguito, breve commento inviatoci unitamente alla copia del provvedimento esteso.
——————————-
La cliente si è rivolta ad SDL e all’avv. prof. Piero Lorusso perchè tutto il proprio patrimonio immobiliare –quello personale, quello dotale, quello del defunto marito e quello societario – era stato prima ipotecato, poi pignorato e successivamente messo in vendita dagli Istituti di credito procedenti.
Con un’articolata opposizione all’esecuzione fondata sulla dedotta usurarietà dei contratti stipulati e sulla conseguente nullità delle relative clausole avallata dalla perizia di SDL, si è riusciti dopo ampia discussione ad ottenere la sospensione della procedura esecutiva con piena soddisfazione della cliente che agirà per il risarcimento di tutti i danni subiti e subendi anche in sede penale.

Avv. Prof. Piero Lorusso

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/07/Tribunale-di-Chieti-23LUG.pdf