leasing Archivi | SDL Centrostudi

sentenza_sdl

TRIBUNALE DI BERGAMO – Sentenza positiva leasing

By | Leggi e Sentenze, Sentenze | No Comments

È con soddisfazione che Vi inviamo una sentenza emessa dal Tribunale di BERGAMO che accoglie le nostre domande relativamente ad un contratto di leasing supportato da perizia SDL e patrocinata in giudizio dall’Avv. Sabrina Breda (foro di Padova) di cui di seguito abbiamo il piacere di riportarvi direttamente i suoi commenti:

Trattasi di contratto di leasing ove il tasso di mora supera da solo il tasso soglia usura.

Il Giudice sanziona il leasing alla restituzione non solo degli eventuali interessi di mora pagati dal cliente, ma anche degli interessi corrispettivi.

Nella sentenza viene disattesa la maggiorazione di 2,1% prevista dalla Banca d’Italia che il Giudice ha reputato essere illegittima

Il giudice ha così statuito la restituzione all’attrice di tutti gli interessi corrispettivi pagati, in quanto non erano stati pagati interessi moratori.

Condanna altresì la banca al pagamento delle spese legali.

 

Si riportano brevi stralci della sentenza:

La normativa è chiara, e non dà adito ad alcun dubbio: l’usura, sia penale che civile, sussista alla condizione che gli interessi, superiori al tasso soglia, e perciò usurari, siano dati ovvero anche solo promessi o convenuti.

 

Ai fini della valutazione circa l’usurarietà si devono considerare tutte le componenti del credito, escluse soltanto le tasse e le spese, e quindi anche gli interessi moratori.

L’assunto della convenuta, secondo cui nella fattispecie concreta non sarebbe configurabile l’usura, dato che non sono mai stati applicati interessi moratori, non è quindi condivisibile.

 

La legge stabilisce un’unica soglia media delle remunerazioni, a qualsiasi titolo convenute, e dunque valuta insieme tutti gli interessi, siano essi corrispettivi e/o moratori; pur non disconoscendone la diversa funzione, essa ha inteso porre un limite massimo e perentorio, entro il quale ricomprendere tutti ci costi del credito, pertanto, ogni pattuizioni eccedente configura usura.

 

Appurato che gli interessi moratori rilevano ai fini dell’usura, e appurato che il tasso soglia da prendere in considerazione è quello stesso fissato dalla legge per gli interessi corrispettivi, si tratta, a questo punto, di stabilire le conseguenze dell’eventuale superamento del limite.
Anche su questo fronte si contrappongono due indirizzi: quello che predica la conversione forzosa del mutuo usurario in mutuo gratuito (ad esempio Corte d’Appello Venezia 18 febbraio 2013), e quello invece che ritiene la nullità (c.d. parziale) della sola clausola relativa agli interessi moratori, con conseguente debenza in ogni caso degli interessi corrispettivi (ad esempio Tribunale Milano 8 marzo 2016).

Il Giudice ha ritenuto di aderire al primo orientamento con le motivazioni ivi indicate.

ammissione ctu

Tribunale di Brescia – Ammissione CTU su Rapporto di Leasing estinto

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Vi invio l’importante provvedimento con cui l’organo giudicante incaricato presso il Tribunale di Brescia ha disposto la CTU contabile relativamente ad un contratto di leasing di un cliente SDL.
Si tratta di un contratto di leasing stipulato in data 18.12.2001, ora estinto, che prevedeva al momento della stipula dello stesso i seguenti interessi convenzionalmente determinati: Tasso nominale 3,35% e Tasso di mora 14,40% mentre, alla data della sottoscrizione del contratto, il tasso soglia era del 11,10%;
Nell’ordinanza il Giudice, in accoglimento delle nostre istanze, invita il CTU a verificare la sussistenza delle lamentate doglianze (e quindi i tassi applicati e la capitalizzazione degli interessi) soprattutto soffermando l’attenzione sulla modalità di computo degli interessi moratori.
Nel corpo dell’atto, infatti, si lamentava che la Banca, nel corso del rapporto contrattuale, aveva effettivamente applicato il tasso di mora convenuto e che il relativo tasso di mora non era stato sostituito a quello corrispettivo, ma calcolato sulla rata non pagata, composta di capitale e interessi, e che lo stesso tasso di mora era stato sommato agli interessi corrispettivi non corrisposti, al capitale e alle spese.

Avv. Torquato Tasso

Scarica il Documento

ctu

Tribunale di Firenze – Ammissione CTU su Contratto di Leasing

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

In allegato importantissimo provvedimento del Tribunale di Firenze con cui, in integrale accoglimento delle tesi sostenute da parte attrice, é stata disposta CTU contabile onde determinare il legittimo rapporto dare avere inter partes, con precipuo riferimento a tutti i parametri previsti nel contratto di leasing.

Avv. Giuseppe de Simone

Scarica il Documento

Per i derivati impliciti va rispettato anche il Tuf (Tratto da Plus24 del 05/12/2015)

By | Rassegna Stampa | No Comments

A UDINE OBBLIGO RIBADITO SUI LEASING INDICIZZATI AL RISCHIO CAMBIO

Dato che nei leasing indicizzati al cambio è contenuto un derivato implicito, la banca deve rispettare non soltanto la disciplina dei contratti di finanziamento (Testo Unico Bancario o Tub) ma anche la normativa sugli strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza o Tuf).
Questo il principio ribadito dal Tribunale di Udine che con la sentenza n.1036 del 20/07/2015 ha condannato una banca a risarcire 86mila euro ad una società.

Si allega l’articolo de quo

Scarica il Documento

disposizione_ctu

Tribunale di Brescia – CTU su Contratto di Leasing

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Si segnala ordinanza ottenuta dall’avv. Donatella Loda presso il Tribunale di Brescia sez. spec. Imprese, ove il giudice ha disposto CTU contabile per determinare l’eventuale usurarietà dei tassi di interesse applicati al contratto di leasing per cui è stata instaurata la causa.
In particolare, il CTU dovrà:
• Accertare se al momento della stipulazione del contratto i tassi di interesse superassero il tasso soglia oltre il quale gli interessi vanno considerati come usurari;
• Stabilire se il cd. piano di ammortamento “alla francese” si fondi su un meccanismo che genera interessi anatocistici
• Rideterminare rapporto di dare/avere tra le parti

Scarica il Documento

Ancona

Ottenuto decreto ingiuntivo avverso l’istituto di credito!

By | Rassegna Stampa | No Comments

Ottenuto decreto ingiuntivo avverso l’istituto di credito!

Ancora un significativo risultato conseguito presso il Tribunale di Ancona dall’avv. Saverio Sabatini, da tempo collaboratore di SDL Centrostudi.La tematica affrontata è delicata e complessa: il cliente SDL – socio unico nonché legale rappresentante di una società per azioni (ad oggi fallita) – si è attivato per ottenere dal curatore tutta la documentazione necessaria per esercitare il proprio diritto di difesa in giudizio, così come previsto dall’art. 24 Cost.
Il cliente è stato perseverante, in quanto l’istituto di credito si era già attivato per la riscossione del credito.
Il primo passo è consistito nell’inoltro alla banca della lettera per il recupero della documentazione necessaria come previsto dall’art. 119 comma 4 TUB, cui però non seguiva alcuna risposta.
Successivamente, la stessa richiesta veniva inviata al curatore e – solo a seguito di numerose integrazioni richieste dal tribunale – il giudice concedeva finalmente decreto ingiuntivo (cui la banca potrà opporsi entro 40gg.) in merito alla consegna della documentazione richiesta.
Come si può facilmente capire, il caso appena riportato è molto importante: infatti, su tale tematica la giurisprudenza dei vari tribunali è contraddittoria, pertanto si è riusciti ad ottenere un risultato all’inizio difficilmente immaginabile.
Caparbietà, decisione e determinazione: queste sono le qualità dimostrate dall’avv. Sabatini e dal soggetto coinvolto, le quali sono proprie e specifiche di SDL Centrostudi, come confermato dai tanti provvedimenti positivi ottenuti.
Peraltro, così non potrebbe non essere viste le difficoltà e gli ostacoli che quotidianamente SDL Centrostudi incontra a causa delle materie trattate e degli interlocutori coinvolti, ma che brillantemente vengono superate, come quest’ultimo esempio dimostra.

Scarica il Documento