Monica Mandico Archivi | SDL Centrostudi

Tribunale di Parma - Rigetto della concessione della provvisoria esecutività del decreto ingiuntivo

Tribunale di Parma – Rigetto della concessione della provvisoria esecutività del decreto ingiuntivo

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Di seguito alleghiamo l’importante provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Parma dagli Avvocati Biagio Riccio e Monica Mandico, di cui riportiamo un breve commento:

“….. in allegato un breve commento e l’ordinanza del Tribunale di Parma che ha sospeso l’ingiunzione per un importo, pari ad Euro. 61.893,56.
Il Giudice ha rigettato la richiesta di concessione della provvisoria esecutività della Banca.
Trattasi di un procedimento monitorio opposto da una srl, che ha conferito incarico di difesa, all’avv. Biagio Riccio e all’avv Monica Mandico del foro di Napoli, i quali nell’articolata opposizione, hanno bloccato l’ingiunzione per un presunto credito della banca, pari ad €  59.352,56, (oltre interessi e spese di procedura, liquidate in € 2.135,00 per compensi ed € 406,00 per spese), derivante dalla gestione di  conti corrente, il cui saldo è stato opportunamente contestato dai legali.
Lo studio legale Riccio & Mandico, ha messo in evidenza le seguenti brevi eccezioni, valutate positivamente dal Magistrato:
1) che la lettera di apertura di credito su cui si fonda la pretesa, è stata versata in atti in fotocopia e non è firmata da entrambe le parti; 
2) che la certificazione TUB 50 non è prova del credito contestato e la banca non ha versato in atti tutti gli estratti conto con le liste movimento(dare-avere), dall’APERTURA DEL CONTO al 2014;
3) che gli interessi a debito e a credito sono sempre capitalizzati trimestralmente;
4) che nel conto sono transitati interessi commissioni e spese di finanziamento ed anche queste sono state capitalizzate trimestralmente, pur provenendo da conti di solo debito, ove quindi la capitalizzazione era vietata anche ai sensi della delibera cicr del 2000;
5) che la banca ha applicato anatocismo in modo evidente stante il conteggio del saldo al 30.12.14 ed è notorio che dal 1.1.14 risulta abolita la capitalizzazione degli interessi con la legge del 27.12.13 n. 147
6) che dall’analisi peritale di parte, risulta che la banca ha trattenuto somme non dovute per l’importo complessivo di €79.084,51 oltre interessi e rivalutazione; che i conti in questione sono stati trattati con usura, pertanto i legali hanno chiesto la revoca del decreto ingiuntivo e in ogni caso la sospensione ex art. 649 cpc e/o il rigetto della richiesta di concessione di provvisoria esecutività.

 

 

Scarica il documento