Ravenna Archivi | SDL Centrostudi

sentenza - Tribunale di Ravenna

SENTENZA FAVOREVOLE – TRIBUNALE DI RAVENNA

By | Leggi e Sentenze, Sentenze | No Comments

E’ con viva soddisfazione che Vi inoltriamo la sentenza positiva ottenuta sul Tribunale di Ravenna dall’Avvocato Luca Valerio, che ha portato grande giovamento al comune cliente. Vi invitiamo a leggere con attenzione anche il breve commento esplicativo del collega:

“…è con viva soddisfazione che Vi allego la sentenza di accoglimento delle domande del comune cliente.
La sentenza è di particolare pregio in quanto accertata l’usurarietà del tasso di mora, dichiara la gratuità del mutuo, respingendo, tra le altre, la domanda di controparte di maggiorazione di 2.1 punti prevista dai DM per il calcolo dell’usura del tasso di mora.
Il GOT condanna la banca alla compensazione della somma di euro 39.921,10 oltre al pagamento delle spese di lite per euro 7.254, oltre IVA, CPA ed accessori di legge.”

Scarica il documento

sospensione rinvio

Tribunale di Ravenna – Estinzione Procedura Esecutiva con Cancellazione Pignoramento

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Istituto di credito di rilevanza nazionale rinunzia agli atti della procedura esecutiva iscritta presso il Tribunale di Ravenna e, consequenzialmente, il G.E. dispone l’estinzione della stessa procedura con cancellazione del pignoramento trascritto presso il competente ufficio territoriale.
Tale risultato è stato possibile attraverso un’azione sinergica e mirata che ha coinvolto gli uffici della Procura e quelli del Tribunale civile.
A seguito di denuncia-querela depositata presso la Procura di Ravenna, le indagini hanno portato a risultati tali da indurre il creditore procedente a rinunziare, motu proprio, agli atti facendo così estinguere la procedura.

Scarica il Documento

ammissione ctu

Tribunale di Ravenna – Ammissione CTU su Mutuo Fondiario e Quesiti

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Si pubblica ordinanza ottenuta dall’avv. Andrea Ziletti presso il Tribunale di Ravenna in un giudizio avente ad oggetto un contratto di mutuo fondiario (valore nominale L. 1.050.000.000) cui è seguito una atto aggiuntivo (valore nominale L. 1.160.000.000).
Il giudice ha ammesso CTU richiesta da parte attrice, i cui risultati sono così sintetizzabili:
• CTU ha distinto i contratti di cui sopra analizzandoli separatamente, sia in relazione al piano di ammortamento utilizzato sia in relazione all’eventuale applicazione di interessi usurari;
• In entrambi gli atti, il CTU ha verificato che il piano di ammortamento utilizzato è quello cd. alla francese che – secondo il consulente – produce di per sé anatocismo, così determinando una maggiorazione del tasso effettivo rispetto al tasso di interesse nominale corrispettivo;
• Ciò detto, il mutuatario ha pagato un tasso superiore rispetto a quello pattuito e la banca ha introitato più di quanto dovuto;
• Inoltre, la banca convenuta non ha specificato al cliente quale fosse il piano di ammortamento utilizzato, determinando così indeterminatezza (e quindi, nullità) della clausola relativa agli interessi
• Quanto agli interessi usurari, il CTU ha verificato che in entrambi i contratti si pattuisce che l’interesse di mora è dovuto sulle rate insolute, quindi comprensive di capitale e quota interessi corrispettivi: da qui, la legittimazione a considerare nel calcolo del TAEG sia interesse di mora che quello corrispettivo;
• Il CTU – a prescindere della sommatoria – ha stabilito che l’interesse di mora è superiore al tasso soglia, anche qualora venissero prese in considerazione le ulteriori spese applicate dalla banca per l’erogazione del finanziamento;
• Stante l’applicazione di interessi usurari al mutuo in causa, il CTU è giunto alla conclusione che il predetto mutuo sia da considerarsi gratuito ex art. 1815 comma 2 c.c.;
• Circa la quantificazione degli interessi da restituire a parte attrice, il CTU ha rilevato la necessità di avere copia di alcuni documenti già depositati ma non completamente leggibili

Scarica il Documento