reclamo ex art. 700 Archivi | SDL Centrostudi

asta bloccata

Tribunale di Treviso – Provvedimento positivo reclamo ex art. 700 c.p.c

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Vi rimettiamo in allegato provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Treviso dall’avvocato Elio Michele Gnocato di cui vi lasciamo breve nota:

“Allego alla presente provvedimento del Tribunale di Treviso che ha confermato in fase di reclamo l’ordinanza che ha respinto un ricorso ex art. 700 c.p.c. volto alla riconsegna di un bene immobile a seguito di risoluzione contrattuale di un leasing.

L’ordinanza merita attenta valutazione perchè mette in evidenza i punti fondamentali con cui costruire una solida difesa in casi analoghi e sempre più frequenti.

Senza dimentica che il Foro di Treviso è quello indicato come esclusivo da numerose società di leasing.

Diventa pertanto fondamentale dimostrare il buono stato conservativo dell’immobile per ovviare all’eccezione classica di controparte per la quale dal mancato pagamento dei canoni discende una conseguente incapacità di gestire tanto l’ordinaria che la straordinaria amministrazione.

In sostanza viene meno il requisito del periculum in mora, che non è in re ipsa, ma deve fondarsi su elementi concreti che spetta al ricorrente dimostrare.

Diventa pertanto fondamentale redigere una perizia tecnico estimativa sul buono stato dell’immobile accompagnata da idoneo materiale fotografico.

In subordine: il pregiudizio deve essere irreparabile e perciò non suscettibile di essere ristorato per equivalente monetario.

Diviene anche in tal caso fondamentale produrre e dimostrare (laddove esistente) la presenza di un contratto di locazione o sublocazione “che potrà costituire garanzia per l’utilizzatrice in favore dei crediti per

canoni di leasing”.

Confermando infine l’orientamento per il quale in assenza di un pregiudizio irreparabile sia “onere del richiedente (in alternativa al 700 c.p.c.) attivare gli appositi strumenti ex art. 702 bis c.p.c. o 186 bis e ter” chiaramente a cognizione più ampia.”

Scarica il Documento