sospensione Archivi | SDL Centrostudi

TRIBUNALE DI BRINDISI – Accoglimento opposizione esecuzione immobiliare in fase cautelare e sospensione

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Accoglimento opposizione esecuzione immobiliare in fase cautelare e sospensione della stessa ex art. 624 c.p. TRIBUNALE DI BRINDISI

Siamo lieti di trasmetterVi l’importante provvedimento ottenuto presso il Tribunale Brindisi dall’Avv. Mattia Manigrasso e dall’Avv. Maria Antonietta D’Elia, di cui Vi invitiamo a leggere il breve commento :
“… è con profonda commozione e gioia che noi sottoscritti, Avv. Mattia Manigrasso e Avv. Maria Antonietta D’Elia, Vi comunichiamo che, per conto di clienti Sdl, abbiamo ottenuto la sospensione ex art. 624 C.P.C. della procedura esecutiva immobiliare incardinata presso il Tribunale di Brindisi ai loro danni dalla Banca, sulla base di un mutuo usurato e sulla basa di un presunto saldo debitore di un conto corrente affidato.
Riteniamo anche utile sottolineare i passaggi motivazionali del ridetto provvedimento che, muovendo dal dato contrattuale e basandosi sulle pronunce della Cass. Sez. VI n. 23192 del 04.10.17 e Cass Ord.n. 5598/17, concludono per la declaratoria di gratuità del mutuo…”

Scarica il documento [PDF]

asta bloccata

Tribunale di Pavia – sospensione efficacia esecutiva del mutuo

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di attenzionarVI l’ordinanza ottenuta  presso il tribunale di Pavia dall’Avvocato Barbara Di Pietrantonio  di cui di seguito vi lasciamo Sua breve nota:

” Allego Ordinanza Trib. di Pavia della quale Si riassume brevemente l’antefatto.
Il cliente SDL aveva subito un primo precetto nel 2015 avente ad oggetto l’importo corrispondente a n. 12 rate scadute e non pagate senza dar luogo alla risoluzione del contratto di mutuo. Dopo che il cliente procedeva all’acquisto della perizia sdl il precetto veniva tempestivamente impugnato chiedendo udienza cautelare. Il G.I. decideva di non fissare udienza cautelare ed in prima udienza concedeva i termini ex art. 183 c.p.c. comma VI decidendo di non sospendere l’efficacia esecutiva del titolo. Alla vigilia dell’udienza ex art. 184 c.p.c. l’Istituto bancario notificava al cliente la risoluzione del contratto e successivamente precetto e pignoramento stavolta sull’intera somma erogata detratte le rate già pagate. Anche il secondo precetto è stato impugnato insistendo per la fissazione dell’udienza cautelare. Il G.I. fissava così udienza cautelare ed all’esito della riserva ha sospeso l’efficacia esecutiva del titolo rinviando all’udienza ex art. 184 c.p.c. della causa istruita precedentemente.
Cordiali saluti “

Scarica il Documento

sospensione rinvio

Tribunale di Piacenza – sospensione procedura esecutiva

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di attenzionarVI l’allegata ordinanza ottenuta presso il tribunale di Piacenza  dall’Avvocato Serena Verzeletti (studio Riccio) di cui di seguito vi lasciamo Suo breve commento:

“Lo Studio Legale Riccio, Griffo & Partners, nella mia persona, ha ottenuto presso il Tribunale di Piacenza il provvedimento che si allega.

Il Tribunale ha sospeso la procedura esecutiva in corso ritenendo sussistenti fumus boni iuris e pericolum in mora.

Unitamente e a supporto delle ragioni riportate nel ricorso in opposizione all’esecuzione depositato in Tribunale nell’interesse del cliente, sono stati prodotti idonei elaborati peritali redatti da SDL rilevanti le anomalie bancarie  alla luce della documentazione in possesso del cliente.”

Scarica il Documento

Tribunale di Fermo – Provvedimento della Procura della Repubblica

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

sospensione_efficacia_titolo_esecutivo

siamo lieti di attenzionarvi provvedimento della Procura della Repubblica ottenuto dell’avvocato Rosettani Paola presso il tribunale di Fermo che , accogliendo favorevolmente le argomentazioni contenute nella perizia Sdl, ha disposto la sospensione dei termini ex art 20 L. 44/99 come mod. dall’art 2 co. 1 lett. d) n. 1, L.3/2012.
La denuncia-querela è stata avviata parallelamente all’apposizione a decreto ingiuntivo promosso dalla Banca per il recupero del saldo passivo di un conto corrente, relativamente al quale la perizia aveva individuato la sussistenza di usura soggettiva.

Scarica il Documento

Commissione Tributaria Provinciale di Viterbo

By | Leggi e Sentenze | No Comments

Sospensione Provvisoria Esecuzione Decreto Ingiuntivo

siamo lieti di attenzionarvi provvedimento favorevole al cliente relativamente a sospensione di avviso di intimazione notificato, a seguito del quale era stata notificato il preavviso di fermo, anch’esso impugnato.
La tempestività dell’impugnazione e il sollecito rivolto nei confronti della Commissione Tributaria della fissazione dell’udienza a breve (29 agosto data della sospensiva), ha permesso di poter sfruttare detto provvedimento anche avverso l’impugnazione del preavviso di fermo amministrativo già notificato.

Scarica il Documento

sospensione decreto ingiuntivo

Tribunale Ragusa – Sospensione Decreto Ingiuntivo

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di attenzionarvi l’allegata ordinanza della sospensione delle provvisoria esecutività di D.I. ottenuta presso il Tribunale di Ragusaa dall’Avv. Tuccio Di Stallo di cui di seguito Vi lasciamo Suo breve commento:

“… trasmetto in allegato copia dell’ordinanza con la quale il G.I. del Tribunale di Ragusa ha sospeso l’ esecuzione provvisoria di un D.I. dell’importo di oltre 200.000 euro, opposto dal cliente.
Il provvedimento si segnala per alcune particolarità:
– in primo luogo il G.I. ha ritenuto costituire “gravi motivi” ai fini della richiesta di sospensione le eccezioni addotte da questa difesa, che aveva rilevato la nullità del contratto di apercredito c.d. “monofirma”, sulla scorta degli allegati arresti riferiti a Cass. 10616 del 20.5.2016 e 3017 dell’11.2.2014.;
– in secondo luogo, il G.I. ha ritenuto di dovere valorizzare, ai fini della richiesta sospensione, la documentazione prodotta in atti, costituita dalla perizia redatta da SDL.
Nonostante la perizia avesse ipotizzato solo un recupero parziale – pari a circa un quarto della pretesa azionata mediante D.I. -, si è rilevata utile supporto nella strategia difensiva complessiva, fondata altresì su una rigorosa analisi critica dei contratti stipulati tra banca e cliente.”

Scarica il Documento

sospensione rinvio

Commissione Tributaria di Ragusa – Accoglimento Istanza di Sospensione avverso Intimazione di Pagamento

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Si procede alla pubblicazione di importante provvedimento ottenuto dall’avv. Marco Mistretta presso la Commissione Tributaria Provinciale di Ragusa, il quale ha accolto l’istanza di sospensione ivi depositata nel contesto di un ricorso avverso intimazioni di pagamento per un importo complessivo di € 409.000,00.

Scarica il Documento

sblocco_vincita

Tribunale di Ferrara – Sospensione Efficacia Atti Impositivi

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

In data 02.02.2016 il Tribunale di Ferrara (Sez. Lavoro e Previdenza) ha sospeso l’efficacia degli atti impugnati (iscrizioni a ruolo) relativi a contributi soggettivi, integrativi e di maternità, richiesti ad un contribuente, per un importo complessivo pari ad € 54.829,19.
Facciamo presente che in base alla legge, il contribuente può chiedere la sospensione degli atti esecutivi, in attesa del giudizio sul merito, quando esistono 2 presupposti:
• il cd. “fumus boni iuris”, cioè la verosimile fondatezza della domanda;
• il cd. “periculum in mora”, cioè il danno grave ed irreparabile derivante dall’esecuzione;
Pertanto, nel caso di specie il Giudicante ha ritenuto sussistente sia il fumus bonis iuris che il periculum in mora, bloccando sul nascere eventuali misure cautelari coercitive e dannose che l’Agente della Riscossione poteva eseguire nei confronti del contribuente.

Avv. Andrea Ziletti

Scarica il Documento

Sospensione Provvisoria Esecuzione Decreto Ingiuntivo

Tribunale di Parma – Sospensione Esecutività di Decreto Ingiuntivo

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Siamo lieti di pubblicare un ordinanza del Tribunale di Parma di sospensione dell’esecutività del decreto ingiuntivo opposto ottenuta dall’avv. Monica Mandico e dall’Avv. Biagio Riccio.
Il Giudice ha accolto le contestazioni della parte opponente in merito alla documentazione fondante la prova della presunta pretesa creditoria indicata nel ricorso per D.I.
Infatti, nel caso in esame, la Banca agisce per un saldo debitore del conto corrente per un importo pari a 75 mila euro, ma non produce il contratto e/o ogni atto ad esso collegato, firmato da entrambe le parti.
E’ fondamentale – come diposto dall’art. 117 tub – che la banca per far valere il suo diritto di credito documenti il contratto, i fogli analitici nonchè le condizioni economiche sottoscritte dalle parti, in virtù del fatto che la certificazione ex art. 50 d.lg. 1.9.93 n. 385 è un atto di parte e non prova il credito.
L’avv. Mandico ha altresì rilevato che gli altri documenti prodotti dall’istituto di credito in merito alle clausole contrattuali non erano riferibili al conto corrente oggetto del decreto ingiuntivo.
Inoltre, è stato evidenziato che i documenti probanti il rapporto contrattuale, versati in atti dall’Istituto di credito, erano intestati ad una diversa banca poi fusasi per incorporazione nella società ricorrente ed erano privi della firma della predetta società incorporata.
Sul punto si osserva che trattasi di contratti monofirma che non possono essere fatti valere dalla attuale banca incorporante.
Gli atti firmati da una sola parte non hanno il requisito formale ad substantiam.
Va da sé che l’opposizione si basa sulla prova scritta depositata dalla parte avversa priva di valore probatorio e della riferibilità al rapporto contrattuale dal quale deriverebbe il presunto credito.
Nel merito dall’analisi peritale eseguita dalla SDL, è emerso che la banca ha trattato il conto in parola, con usura concreta violando l’art. 644 cpc III comma, in numerosi trimestri dettagliatamente elencati nel seno dell’elaborato peritale.
Per l’effetto, parte opponente ha chiesto in udienza che gli atti venissero inviati in procura per la verifica dell’accertamento del reato.
Il Giudice, alla luce delle predette contestazioni, ha sospeso l’esecutività del Decreto Ingiuntivo ed ha altresì sospeso il processo ordinando alle parti l’avvio della procedura della mediazione.

Nota dell’Avv Monica Mandico

Scarica il Documento

Sospensione Provvisoria Esecuzione Decreto Ingiuntivo

Tribunale di Ancona – Sospensione della Provvisoria Esecutorietà di Decreto Ingiuntivo

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Si pubblica ordinanza emessa dal Tribunale di Ancona con la quale, grazie a perizia SDL su leasing, non è stata concessa la provvisoria esecutorietà del decreto opposto.
La parte in cui rigetta l’istanza ex art. 648 c.p.c. è relativa ai beni mobili situati all’interno dell’immobile oggetto di leasing.

Avv. Lucia Baldoni

Scarica il Documento

Tribunale di Ancona – Sospensione Efficacia del Titolo Esecutivo

By | Leggi e Sentenze, Ordinanze in materia bancaria | No Comments

Si pubblica provvedimento emesso dal tribunale di Ancona a seguito di atto di citazione in opposizione a precetto ai sensi degli artt. 615 e 617 cpc, presentato dall’Avv. Antonio Paone del foro di Rimini, il quale ha sospeso l’efficacia esecutiva del titolo esecutivo.
Specificamente, la banca notificava atto di precetto per euro 127.000,00 ad una società che aveva contratto mutuo ipotecario per euro 200.000,00, a seguito di alcune rate non pagate.
Il titolo esecutivo nasceva dall’iscrizione ipotecaria sull’immobile a garanzia del pagamento del mutuo ipotecario.
Il sottoscritto proponeva atto di citazione in opposizione al precetto sulla base delle seguenti argomentazioni:
• Tasso contrattuale pari al 4,85%;
• TAEG o ISC non è stato indicato in contratto;
• Tasso di mora pattuito è pari al tasso maggiorato di 3 punti, quindi pari al 7,85%;
• Non vi è alcuna clausola di salvaguardia;
• Tasso soglia al tempo della convenzione era pari al 8,43%;
• Penale per estinzione anticipata è pari al 1,00% sul capitale restituito anticipatamente;
• Interessi di mora sono stati applicati e calcolati sulla rata intera, dunque in aggiunta e non in sostituzione a quelli corrispettivi;
Da notare che il superamento del tasso soglia avviene solo grazie al cumulo di tutti gli interessi e delle spese: infatti, il tasso di mora singolarmente considerato non supera il limite.
Dal momento che il contratto prevede espressamente che nel caso di ritardo la mora si aggiunge e non si sostituisce al tasso corrispettivo ed è inoltre prevista una penale per estinzione anticipata pari all’1,0% del capitale rimborsato, la difesa ha puntato essenzialmente su questi due punti basilari.
Sono state allegate ordinanze del Tribunale Collegiale di Savona e di Pescara, che il Giudice ha evidentemente letto e compreso, citandoli anche nell’ordinanza di accoglimento totale.
Importante anche il riferimento alle sentenze della Cassazione (350/13) e della Corte Costituzionale (29/2002).
Il Giudice ha sposato totalmente le tesi dell’Avv. Paone, facendo una valutazione complessiva dei tassi pattuiti (corrispettivi e moratori) al fine della verifica del superamento del tasso soglia, disponendo la sospensione immediata dell’efficacia esecutiva del titolo.

Avv. Antonio Paone

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/09/Tribunale-di-Ancona-21SET.pdf