Tassi usurari, condannata la banca (tratto da “L’Adige” del 12/01/2016)

IL GIUDICE RICONOSCE CHE LA SOMMATORIA TRA INTERESSI CORRISPETTIVI E DI MORA, COME PREVEDEVA IL CONTRATTO SOTTOSCRITTO TRA LE PARTI, SUPERAVA LA SOGLIA DI LEGGE. NOMINATO UN CONSULENTE PER STABILIRE QUANTO DEVE ESSERE RESTITUITO AI RISPARMIATORI. IL GIUDIZIO VA “CONTROCORRENTE” APRENDO UN PRIMO VARCO GIURIDICO AI RISPARMIATORI.

Due avvocati che collaborano con SDL Centrostudi SpA hanno ottenuto una condanna avverso l’istituto di credito coinvolto per l’applicazione di interessi usurari ab origine.
Il giudice ha riconosciuto la legittimità della sommatoria dei tassi, perchè così era contrattualmente pattuito nel rapporto di mutuo stipulato dai clienti.

Scarica il Documento