Tribunale di Brescia – Ammissione CTU per Verifica Tassi su Contratto di Leasing

Tribunale di Brescia – Ammissione CTU per verifica tassi pattuiti ed applicati su contratto di leasing

Si pubblica un’esaustiva ordinanza emessa dal Tribunale di Brescia, la quale ammette e nomina CTU in materia contabile.

I quesiti sono articolati.

Il Giudice assegna al tecnico il compito di verificare il rispetto della Legge Antiusura al momento della pattuizione, dopo aver esaminato gli atti in causa ed eventualmente richieste le integrazioni in merito agli accordi intercorsi tra le parti.

Il quesito n.2 rileva in modo particolare: la domanda avanzata attiene l’assunta pattuizione usuraria del tasso di mora, in quanto la compagnia di leasing implicata era solita concordare un tasso di mora già superiore alla soglia in contratto e ciò in forza del vecchio ordinamento, secondo cui la mora non doveva essere valutata in sede di pattuizione, bensì solo in sede di effettiva applicazione.

Com’è noto, così non è ed il Giudice pare condividere tale orientamento.

L’ordinanza è rilevantissima perché, se seguita da una sentenza positiva, metterà “a tavolino” la compagnia di Leasing (che è la maggiore in Italia).

Il terzo quesito vede verificata la prassi di determinare i tassi contrattuali per relationem, la quale si ha quando in contratto si fa riferimento ad un valore estraneo ma ben determinato e/o determinabile (vedasi l’Euribor).

Di qui, non si concretizza l’indeterminatezza ex art. 1284 c.c.

Il quarto quesito passa dalla fase della pattuizione a quella dell’effettiva applicazione degli interessi: in particolare, il Giudice chiede al consulente di verificare quali tassi e la loro entità siano in concreto stati applicati ai contratti oggetto di causa.

Il quinto quesito rappresenta la definizione contabile dell’eventuale credito del cliente derivante dalla gratuità del prestito, come invocata in causa.

La parte attrice aveva già prodotto una perizia di parte, la quale dev’essere sostituita da un elaborato del consulente nominato dal Tribunale … solitamente i valori collimano.

Infine, aspetto interessante che si rileva attiene l’intervenuta accettazione da parte della Compagnia in merito al contraddittorio sulla validità delle condizioni di contratto (essa stessa ha chiesto di verificare i tassi), circostanza questa che ha determinato l’interruzione del pagamento dei canoni per la parte reclamante.

Causa dell’avv. Massimo Meloni

Segue ordinanza

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/04/Tribunale-di-Brescia-24APR.pdf