Tribunale di Viterbo

Si pubblica estratto di una CTU depositata il 28.03.2014 attestate l’applicazione della sanzione civilistica di cui all’art. 1815, 2° com. c.c. su conto corrente (gratuità del prestito).

Si ha la decurtazione di tutti gli interessi del trimestre (o del periodo) in cui il tasso sfora quello usuraio (e quindi non la riduzione degli interessi sotto il tasso soglia).

Come noto, la Corte d’Appello di Venezia, con la Sentenza n. 342/13, ha esteso ad ogni obbligazione pecuniaria la sanzione ex art. 1815 2° com. c.c. in applicazione estensiva della sentenza di Cassazione n. 350/13.

Ebbene, nel caso di specie, che vede affidamento di consulenza proprio al fine di verificare l’applicazione (e pattuizione) del tasso usurario eventuale, il CTU, rilevato lo stesso, ha provveduto a cassare gli interessi nella loro integrità.

 

Conforme Tribunale di Roma n. 1661/14

Causa seguita dall’ Av. Massimo Meloni

Segue Sentenza

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2014/04/Caricata-il-11.04.14-Tribunale-di-Viterbo.pdf