Tribunale di Gela – Ammissione CTU contabile ed Ordine di Esibizione ex art. 210 c.p.c.

Consulente tecnico ufficio01

Si procede alla pubblicazione di un importantissimo provvedimento ottenuto presso il Tribunale di Gela.
La fattispecie, invero, apparentemente abbastanza semplice, sottende spigolature e questioni giuridiche di non poco momento.
Siamo dinanzi ad un giudizio avente ad oggetto due conti correnti chiusi, con specifico riguardo a tutte le somme indebitamente pagate dal correntista alla banca.
Dopo il deposito delle tre memorie ex art.183 Vi comma c.p.c, nonchè di copiosa documentazione, con il provvedimento allegato, il Tribunale ha ammesso la CTU contabile, al fine di quantificare le somme dovute al cliente per superamento del TSU, CMS, anatocismo, valute etc.
In questo contesto, però, il Giudice Istruttore, si sofferma puntualmente e con una considerazione di gran pregio giuridico sul rapporto esistente tra l’art.210 c.p.c. e l’art.119 TUB.
Nello specifico, il Giudice ha emesso ordinanza ex art.210 c.p.c. a carico della banca, ordinando la produzione di tutti i documenti afferenti ai rapporti bancari de quibus non ancora acquisiti agli atti.
Il Giudice, in particolare, ritiene che sussistano le condizioni per l’emissione dell’Ordinanza ex art.210 c.p.c., tenuto conto che l’istanza ex art.119 TUB, seppur fatta per la prima volta in seno all’atto di citazione, tuttavia, essendo trascorsi ben più dei 90 giorni contemplati nella norma, ha messo in condizione la banca di provvedere ad adempiere.
Risulta, dunque, affrontata e superata la questione relativa alla formulazione dell’istanza ex art.119 TUB ed alla relativa Ordinanza ex art.210 c.p.c.

Avv. Riccardo Lana