Tribunale di Milano – Nomina CTU e clausola di salvaguardia

Tribunale di Milano – Sez. XII

Leasing: Nomina CTU – Clausola di salvaguardia

Il Tribunale di Milano all’udienza del 21.5.2015 ha ammesso CTU contabile su un contratto di leasing di € 2.200.000 in bonis al fine di determinare il dare/avere tra le parti, risultando applicati interessi di mora superiori alla soglia di usura.
Il contratto contiene la c.d. clausola di salvaguardia, prevedendo la mora pattuita pari al tasso di soglia.
A fronte delle difese consistite anche nella produzione di contratti bancari contenenti la c.d. sommatoria, il tribunale ha ammesso la CTU.
Forse la tesi della c.d. sommatoria è un mostro giuridico inventato da alcuni legali, ma fatto è che le banche la applicano e la prevedano nei contratti.
Se ne dà dimostrazione empirica producendo contratti che nel complesso dei tassi sommati (si legge) non sforano la legge antiusura.
Si è sostenuto come da orientamento del Tribunale di Milano (sentenza Presidente dott.ssa Cosentini 12.2.2015) che dovendo valutare il tasso di mora di per sè pattuito, la clausola di salvaguardia non “copre” il contratto, perche è sufficiente una minima spesa e/o costo per sforare la soglia usuraria.
Una perizia econometrica di SDL ha provato il quantum restitutorio.
Il CTU è stato nominato. Giuramento e quesiti al 30.9.2015.
La società di leasing parte in causa rappresenta una delle maggiori sul mercato.

Segue verbale di udienza

Causa seguita ed istruita dall’avv. Massimo Meloni

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/05/Tribunale-di-Milano-25MAG.pdf