Tribunale di Pavia – ammissione CTU su mutuo

Consulente tecnico ufficio01

Siamo lieti di attenzionarVI il provvedimento ottenuto presso il tribunale di Pavia dall’Avvocato Giuseppe Marchetti di cui di seguito vi lasciamo Sua breve nota:

“In allegato invio provvedimento di ammissione CTU su rapporto di Mutuo emesso dal Tribunale di Pavia con il quale, tra l’altro, il Giudice ha incaricato il Perito di verificare ..se gli interessi applicati dalla banca superino il tasso soglia, in violazione della legge n. 108/1996 e successivi D.M. di attuazione, applicabili, ratione temporis, al rapporto in contestazione, avendo riguardo al momento in cui gli interessi sono stati promessi o comunque pattuiti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento, conformemente al principio stabilito dal legislatore con la norma di “interpretazione autentica” di cui all’art. 1, comma 1, d.l. n. 394/2000, convertito, con modificazioni, in legge n. 24/2001, e all’orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità e di merito, e tenendo conto, ai fini della determinazione del tasso di interesse usurario, di tutti gli oneri connessi al rapporto bancario, quindi degli interessi, moratori, anatocistici e ultralegali, di tutte le commissioni, delle spese, escluse soltanto quelle per imposte e tasse, delle provvigioni derivanti dalle clausole, comunque denominate, che prevedano una remunerazione a favore della banca, conformemente ai principi stabiliti dal legislatore con gli artt. 644, commi 3 e 4, c.p., 2, comma 4, l. n. 108/1996, e 1, comma 1, d.l. n. 394/2000 (norma di “interpretazione autentica”), convertito in l. n. 24/2001, e richiamati dalla giurisprudenza di legittimità con le citate sentenze nn. 12028/2010 e 28743/2010”.

Scarica il Documento