Tribunale Pesaro ordine esibizione ex art. 210 cpc

istruttoria

Siamo lieti di attenzionarVI il provvedimento ottenuto  presso il tribunale di Pesaro  dall’Avvocato Antonio Paone di cui di seguito vi lasciamo Sua breve nota:

“Si allega importante provvedimento ottenuto dall’Avv. Antonio Paone del Foro di Rimini presso il Tribunale di Pesaro.
La causa, riguardante l’accertamento e verifica di due conti di cui uno affidato e l’altro per anticipo fatture, era stata anticipata dalla richiesta alla banca di tutti i contratti e gli estratti dall’inizio dei rapporti, ai sensi dell’art. 119 del Testo Unico Bancario.
Le perizie di parte intanto, sulla scorta degli unici documenti ancora in possesso del correntista, erano state commissionate a SDL CENTROSTUDI Spa.
Instauratosi il procedimento, la banca non dava riscontro alla richiesta ex art 119 TUB, contestando geneticamente l’ordine di esibizione ex art 210 cpc richiesto dall’Avv. Paone già nell’atto di citazione laddove l’istituto di credito non avesse ottemperato alla predetta richiesta entro i 90 gg concessi dal Testo Unico Bancario.
L’istanza era rinnovata anche nella prima e nella seconda memoria ex art 183 cpc, nonché nel Verbale del primo incontro delle operazioni peritali, essendo stata ammessa CTU, in cui il legale ha presenziato anche quale consulente di parte.
Il consulente richiedeva al giudice lumi, non potendo addivenire alla stesura di alcun elaborato stante la mancanza di numerosi estratti.
Solo in quella occasione il consulente di parte della banca esibiva stampa della pec con cui l’istituto aveva risposto alla richiesta ex art 119 avanzata dal avv. Paone, che contrariamente MAI AVEVA RICEVUTO ALCUNA PEC.
Opponendosi fermamente alla produzione tardiva del documento contestato,  essendo spirato ogni termine di legge per depositare documenti in giudizio, e non avendo MAI la banca contestato di avere inviato i documenti richiesti, se non durante le operazioni peritali, il legale riusciva ad ottenere dal giudice ordine di esibizione ex art 210 di tutta la Documentazione così come richiesta ai fini dello svolgimento della consulenza tecnica ammessa.
Nonostante l’atteggiamento scorretto (per non dire altro) della banca, si è così evitata una sconfitta processuale, essendo come noto onore dell’attore produrre i documenti a fondamento delle richieste.”

Scarica il Documento