Tribunale di Reggio Emilia – Ordinanza del 26.02.2015

Presso il Tribunale di Reggio Emilia si sta dispiegando una causa di accertamento promossa da parte correntista per supposta usura contrattuale applicata su rapporto di conto corrente e su un mutuo in bonis.

Per quanto attiene il mutuo, il giudice incaricato ha disposto la verifica dei tassi, corrispettivo e di mora, ed in caso di interessi pattuiti usurari, alcun interesse è dovuto, in applicazione dell’art. 1815 c.c. s.c.

Per quanto attiene il conto corrente (che è del 1997) i quesiti sono quelli standard: eliminare anatocismo e c.m.s., riportando i tassi usurari sotto la soglia, come da metodo adottato nella perizia SDL acquisita al processo.

Interessante, perché innovativo, è il punto 6) che prevede il caso di assenza di estratti.

Si noti che trattasi di causa promossa dal correntista.

Ebbene, sino a poco tempo fa, l’onere della prova era posto in capo al cliente che promuoveva il giudizio, in base alla ripartizione dell’onere della prova.

Attualmente, per il concetto di vicinanza della prova (Sezioni Unite di Cassazione 13533/2001), i Giudici ritengono sia la banca a dover provare il suo credito, di fronte alle precise contestazioni avanzate dal correntista (specie se supportate da perizia).

Nel caso pubblicato, il Giudice onera il ctu di effettuare il ricalcolo partendo dall’estratto primo disponibile se a credito del cliente; se a debito, si partirà con saldo zero.

Nel caso in cui dopo il primo estratto conto disponibile manchino estratti conto successivi, la ricostruzione dell’andamento del conto corrente deve essere effettuata soltanto sulla base degli estratti conto effettivamente disponibili .

Il saldo zero è temuto dalle banche, poichè annulla il debito al decennio ovvero all’estratto a debito.

Perciò, tutti gli interessi corrisposti da tale data alla domanda debbono essere restituiti, in quanto manca la causale del pagamento.

Causa istruita e seguita dall’avv. Massimo Meloni unitamente al Collega Palvarini Luca del foro di Mantova

Di seguito, provvedimento del Tribunale di Reggio Emilia
Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/02/Tribunale-di-Reggio-Emilia-Ordinanza-del-26.02.2015.pdf