Tribunale di Reggio Emilia – Ordinanza ammissiva di CTU

Tribunale di Reggio Emilia – Causa di accertamento di pattuizione di tassi usurari su mutuo

Il Tribunale di Reggio Emilia, con l’ordinanza in commento, dispone la nomina di CTU al fine di verificare il superamento delle soglie usurarie dei tassi di interesse e degli altri oneri pattuiti nel contratto di mutuo oggetto di causa.

A tale fine, il CTU deve considerare sia gli interessi moratori che corrispettivi, salva più specifica definizione del quesito nel contraddittorio alla presenza del CTU stesso.

E’ ormai radicata la concezione che il momento per la verifica del rispetto delle soglie usurarie sia quello della pattuizione.

Si è faticato non poco per superare quella corrente giurisprudenziale che vedeva nell’effettiva applicazione della mora il momento di verifica sulla usurarietà.

Stesse difficoltà si sono incontrate nel far considerare tutti gli oneri nella valutazione del TAEG.

La Banca d’Italia – partecipata dalla banche – non ammette che si tenga conto della mora nel TAEG, tesi questa corroborata dall’eventualità dell’applicazione della mora in una fase particolare del contratto.

Viceversa, la l. 24/2001 è chiara: si parla di pattuizione di interessi a qualunque titolo, indipendentemente dal momento dell’effettivo pagamento.

Passo dopo passo, si sta giungendo ad una definizione di tasso usurario più aderente al dettato normativo, nel pieno rispetto dell’art. 12 delle Preleggi.

Causa dell’avv. Massimo Meloni

Si allega ordinanza de qua

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/04/Tribunale-di-Reggio-Emilia-3APR.pdf