Tribunale di Rimini – Sospensione Esaecuzione Immobiliare Inaudita Altera Parte

sospensione esecuzione - decreto ingiuntivo

Importantissimo provvedimento del Tribunale di Rimini in una causa di opposizione all’esecuzione immobiliare patrocinata dall’Avv. Antonio Paone.
A fronte di notifica di pignoramento immobiliare ad una pensionata, derivante dal mancato pagamento delle rate scadute di due mutui ipotecari (uno ereditato dal marito deceduto e l’altro acceso per aiutare un fratello), viene proposto nel Giugno 2015 ricorso in opposizione all’esecuzione, con richiesta di sospensione inaudita altera parte, fondato sulla contestazione di vizi del titolo esecutivo, dal momento che i mutui erano affetti da usura originaria in quanto il cumulo del tasso corrispettivo con ogni altro costo a qualunque titolo promesso e pattuito, compresi dunque gli interessi moratori, superava il tasso soglia di usura al momento delle firma dei mutui (così come stabilisce la legge – che esclude solo le tasse e le imposte da questa verifica – e così come confermato a più riprese sin dal 2002 dalla Corte Costituzionale e poi dalla Cassazione Civile e Penale nel 2003, 2004, 2006 sino al 2013).
Inoltre, altre irregolarità inficiavano la validità di altre clausole del mutuo, come l’erroneo conteggio del Taeg, la presenza di un tasso floor (tasso minimo) e la presenza della penale per estinzione anticipata che già da sola portava il Taeg a superare di tre volte il limite di legge.
Dopo 10 mesi di “passione” tra rigetto dell’istanza cautelare, udienza di comparizione NONCHè deposito di documenti e memorie, si giunge all’asta immobiliare del 7 aprile.
Il ricorso, si precisa, non era stato ancora deciso.
Alle 15,30 del 7 aprile 2016, mentre il notaio delegato sta per aprire le due buste contenenti le offerte presentate, dopo che era stato richiesto dal legale dell’esecutata l’intervento urgente del giudice dell’esecuzione, arriva comunicazione via pec da parte della cancelleria.
Il giudice, a rettifica delle precedenti ordinanze già emesse, ritenuta la fondatezza dei motivi di opposizione e la sussistenza del periculum in mora, ha sospeso inaudita altera parte l’efficacia esecutiva del titolo rinviando per la comparizione delle parti al prossimo giugno.

Scarica il Documento