Tribunale di Roma – Concessione CTU per verificare validità e legittimità delle pattuizioni

Si pubblica ordinanza emessa dal Tribunale di Roma in data 20.04.2015 e depositata in data 05.05.2015, la quale concede la consulenza tecnica d’ufficio chiesta da parte attrice in una causa relativa ad un conto corrente, ove si chiedeva sulla base di perizia SDL la restituzione delle somme illegittimamente incamerate dall’Istituto di Credito a seguito dell’applicazione di interessi usurari, anatocistici e c.m.s. non dovute.

Interessanti sono le motivazioni per le quali la CTU (definita dallo stesso Giudice “basilare”) è stata ammessa – Infatti, il Giudice ha rilevato che:
• le questioni contenute in atto di citazione sono strettamente connesse agli elementi esposti ed analiticamente esaminati nella relazione tecnica di parte, la quale è stata depositata contestualmente e basata su documenti bancari provenienti dalla convenuta, anch’essi prodotti;
• la domanda attrice è tesa alla determinazione del saldo conto in misura diversa da quella appostata dalla banca per illegittimità dei criteri di determinazione da quest’ultima applicati;
• l’accettazione tacita degli estratti conto – per costante giurisprudenza – non preclude la disamina di questioni attinenti la validità, l’efficacia e la legittimità delle sottostanti pattuizioni;
• le problematiche sollevate dalle società attrici comportano necessariamente una specifica analisi di tutti i dati tecnico-contabili emergenti dal rapporto di c/c dedotto e che da essi dipende la definizione degli aspetti giuridici delle domande azionate.

Inoltre, il Giudice ha rilevato che non è stato dato esito alla specifica richiesta di invio documenti formulata dalle attrici alla Banca.

Il G.I. ha rinviato alla successiva udienza per la formulazione dei quesiti.

Causa seguita dall’avv. Andrea Ziletti

Segue provvedimento

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/05/Tribunale-di-Roma-6MAG.pdf