Tribunale di Salerno – Sentenza di condanna per usura!

Con la sentenza allegata il Tribunale di Salerno ha preso posizione su diverse tematiche:

1. Il valore delle direttive della Banca d’Italia, riconoscendo che le medesime non siano vincolanti ai fini del calcolo del TEG.

2. Ha delineato in modo chiarissimo la struttura del delitto di usura (si veda par. 4 della sentenza de qua);

3. Ha profilato l’istituto della c.m.s. ed ha approfondito la portata della sua incidenza ai fini del calcolo del TEG.

4. Ha ritenuto che il costo dell’anatocismo sia da considerarsi una remunerazione decisiva per il computo del TEG.

5. Si è soffermata sull’elemento soggettivo del reato e, dunque, sulla sussistenza del dolo da parte del funzionario di banca. Infatti, nel trattamento sanzionatorio è stata ritenuta applicabile anche la circostanza aggravante di cui al co. 5 n. 1 dell’art. 644 c.p.

La sentenza risulta di grande importanza nel panorama della giurisprudenza italiana, poiché da essa scaturisce (fatto molto raro) la punizione dei funzionari di banca.

Il consulente della parte civile che ha illustrato al collegio giudicante le coordinate per il calcolo del TEG è l’avv. Biagio Riccio.

Si allega la sentenza in esame

Scarica il Documento

http://www.sdlcentrostudi.it/wp-content/uploads/2015/04/Tribunale-di-Salerno-1APR.pdf