Tribunale di Taranto – Sospesa Provvisoria Esecuzione di Decreto Ingiuntivo

Sospensione Provvisoria Esecuzione Decreto Ingiuntivo

Segnaliamo ordinanza ottenuta in data 4/5/2016 presso il Tribunale di Taranto (Foro che accoglie le tesi maggiormente restrittive in materia di usura), con la quale è stata sospesa l’esecuzione provvisoria di un decreto ingiuntivo emesso nei confronti di un nostro cliente, con motivazione chiara ed emblematica, degna di attenzione:”Il Presidente istruttore, a scioglimento della riserva che precede…, rilevato che la documentazione peritale prodotta (perizia SDL) dalla quale si desumono sconfinamenti usurari e pratiche anaocistiche, integra i gravi motivi alla ricorrenza dei quali è subordinata la sospensione dell’esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo… PTM applicato l’art 649 c.p.c, sospende l’esecuzione provvisoria del decreto opposto ed assegna i termini di cui all’art. 183 c.p.c…“.
Il Giudice sembrerebbe rilevare gli “sconfinamenti usurari” e “le pratiche anatocistiche” direttamente e senza indugio dalla perizia SDL con tono deciso, affermativo, senza far ricorso a valutazioni dubitative tipiche della fase preliminare o a mere eventualità che quasi sempre connotano le fasi di delibazione sul fumus boni iuris o sulla ricorrenza dei gravi motivi.
La decisione merita di essere segnalata, perchè il Tribunale tarantino è tra quelli che esclude tassativamente la cumulabilità fra interessi moratori e corrispettivi (anche se nella specie, trattavasi di conto corrente), facendo derivare in caso di superamento del tasso soglia ad opera dei primi, la mera restituzione dei soli interessi moratori ove concretamente corrisposti.

Avv Nicolò Maellaro
Avv. Maria Terrusi

Scarica il Documento