Tribunale di Velletri – Sospensione della Procedura Esecutiva per 300gg.

sospesa asta immobiliare

Trattasi di procedimento seguito dagli avv.ti Monica Mandico, Biagio Riccio e Patrizia Ciccotti, per il quale i difensori con un lavoro in team, hanno ottenuto un importantissimo risultato, quello della sospensione per 300 giorni della procedura esecutiva, per la quale la società finanziaria e di recupero credito – cessionaria del credito dalla precedente banca – aveva dato impulso all’esecuzione forzata e depositato, anche l’istanza di vendita dell’appartamento di proprietà degli opponenti, per un mutuo, evidentemente contratto a condizioni usurarie.
Va detto che gli avv.ti Riccio e Mandico provvedevano a sviluppare una cadenza e successione di atti e di contestazioni sull’operato, abusivo, della società finanziaria, dapprima con la presentazione, al Giudice dell’Esecuzioni Immobiliari presso il Tribunale di Velletri, di un atto di opposizione all’esecuzione ex art. 615 cpc, con istanza di sospensione ex art. 624 cpc, poi contestualmente depositavano denuncia querela con istanza di sospensione dell’attività esecutiva ex art. 20 co, 4 L.44 /99, a seguito della quale, i procuratori in parola, indirizzavano, presso la Prefettura di Roma , l’istanza di accesso al Fondo di solidarietà per le vittime dell’estorsione e dell’usura in qualità di vittime del delitto di usura , con richiesta di elargizione di somme ex artt. 3,5,6 e 8 della L. 44/99.
La Prefettura di Roma, analizzate le osservazioni dei difensori e valutate le perizie tecnico contabili allegate, attivava il procedimento amministrativo interessando la Procura di Velletri, per cui i citati avvocati, reiteravano, al P.M., la richiesta di sospensione dei termini, in considerazione del fatto, che per il caso di specie, sussistevano tutti i presupposti per beneficiare del predetto provvedimento.
Difatti, la procedura esecutiva pendente presso il Tribunale di Velletri, rientrava nell’elenco previsto dal comma 7 e 7 bis dell’art. 20 L. 44/99.
Ciò detto, il Pubblico Ministero della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri, in data 17.5.2016, disponeva la sospensione dei termini della procedura esecutiva a carico dei denuncianti.

Nota dell’avv. Monica Mandico

Scarica il Documento